.
Annunci online

zibaldone2
POLITICA
20 marzo 2011
guerra umanitaria


Un’altra guerra alle porte di casa: una guerra, anche questa, pedissequamente e servilmente definita umanitaria e finalizzata alla liberazione di masse umane dalla ferocia di un dittatore ed all’instaurazione della “democrazia”. Non abbiamo bisogno di essere politologi navigati per capire quanto siano strumentali le ragioni e ipocrite le giustificazioni per un intervento militare contro un personaggio-dittatore che, fino a qualche settimana fa, ha goduto dell’appoggio incondizionato di tutte quelle potenze occidentali che oggi sono così preoccupate per il destino di tanti cittadini libici.

Preoccupazioni che non hanno avuto il dovuto risalto quando si è trattato  di analizzare le sommosse in Tunisia,  in Albania, in Egitto e correre in aiuto di quei popoli.

Ma,  per non correre il rischio di essere  tacciato di filo-gheddafismo,  non voglio assolutamente fare il pacifista senza se e senza ma; voglio solo indicare quante falsità ed ipocrisie nel corso della storia siamo costretti a sopportare. Alcuni lo fanno in  riguardoso silenzio verso coloro che stabiliscono quali verità credere e quali no, altri non ci stanno e si prendono la briga di smascherare quei tentativi.

Chi ha vissutole vicende politiche prima del 1989 ricorda bene gli anatemi e le scomuniche  pronunciati con rabbia contro le forze del male rappresentate dall’Unione  Sovietica  e dai suoi accoliti , ritenuti un pericolo per la pace, portatori  di invasioni militari, guerre e carestie. All’epoca provocare una guerra era sacrilegio, era un attentato contro la civile convivenza e la pace mondiale. Poi arrivò il crollo del muro di Berlino e la fine  di queste dittature e vai tutti a scrivere che i pericoli per la pace erano finiti ed il mondo avrebbe goduto, da allora in avanti periodi di   tregua ed accordi internazionali basati sul rispetto reciproco e la convivenza  pacifica .

E allora? E il caso di elencare tutte le guerre che dal 1990 in poi hanno devastato il mondo?  La guerra dei Balcani, due guerre in Iraq, in Afganistan, senza contare le innumerevoli “scaramucce” scoppiate  qua e là nel mondo per motivi etnici determinati da chi aveva interesse a mettere le mani su quei territori. Proviamo a fare la conta dei morti e delle conseguenze catastrofiche che ne sono derivate e vediamo a quale risultato si arriva.





permalink | inviato da Enzo49 il 20/3/2011 alle 12:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Indicazioni ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62.Il contenuto di questo blog non va considerato alla stregua di una testata giornalistica nè un prodotto editoriale e il suo curatore declina ogni responsabilità di qualsivoglia natura. Le notizie riportate provengono da altri siti sparsi per la rete, e dai normali organi d'informazione. Il blog è attivo dall'aprile 2008, non ha periodicità regolare ed è aggiornato secondo le possibilità, Va da sé che le responsabilità per i commenti sono di chi li inserisce. Si avverte che verranno cancellati, senza pietà alcuna, tutti quei commenti ritenuti offensivi per le persone. Verranno inoltre cancellate bestemmie, parole oscene, o che fanno riferimento alla pratica sessuale. Non saranno tollerati, inoltre, riferimenti espliciti o velati alla discriminazione di qualsivoglia natura (sessuale, razziale, politica, religiosa ecc.) Per concludere, le foto riportate nei post sono, per lo più, provenienti da internet (indicandone la provenienza). Qualora gli autori non autorizzassero la pubblicazione, possono comunicare tale intenzione e l'autore del blog provvederà a rimuovere le immagini come da richiesta. Buona lettura a tutti.




IL CANNOCCHIALE